Berlusconi, Lavitola, la Arcuri e le cose senza prezzo

Ci sono giorni in cui il mondo riesce a farti sentire meglio.
Non che le cose siano migliori, solo che ti guardi intorno e scopri che riesci ancora a sorridere o a trovare dei punti fermi.

Il primo è Bossi Umberto, che non delude (quasi) mai. Così come la Lega.
Oggi è la volta delle cerimonia del Dio Po e tengo a precisare che non è la contrazione di una bestemmia.
Al netto della contestazione dei sindaci, Bossi dice che in ogni regione bagnata dal Po c'è pronto l'esercito padano. In sintesi e con la solita chiarezza, spiega che l'Italia va a picco ed è il momento di organizzare la Padania.
Oh, finalmente. Ritorniamo a qualcosa che conosciamo. Roba già sentita? Forse. D'altra parte che le esternazioni politiche di Bossi e Berlusconi siano create da un generatore automatico di discorsi è una sensazione che ho da qualche tempo.

Vale la pena, però, analizzare nel merito il contenuto della tiritera di turno. Mi sono sempre chiesto cosa sia, nella testa dei legisti, la Padania. Che confini abbia, dove comincia e dove finisce e oggi il Bossi mi ha dato un aiutino. Il succo del discorso sono le regioni bagnate dal Po, quelle dove c'è il famoso esercito. Ecco che si fa chiarezza.
Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia Romagna. Stacchiamo quelle lì dall'Italia e chi si è visto si è visto.
La domanda che mi sono fatto e che giro a chiunque voglia rispondermi, però, è più pratica e parte dall'auspicio che l'Umberto conosca la geografia meglio della sua prole.
Cosa ne facciamo della Val d'Aosta, la lasciamo a galleggiare nel niente? E del Trentino? La Liguria si salva per un pelo, attaccata alla Toscana, ma il Friuli? E se il Friuli non è Padania, perché il presidente del consiglio regionale è della Lega?

Altro giro e altro regalo. La telefonata di Silvio a Lavitola (qui l'audio), Berlusconi chiama "fascisti" gli ex di AN, Fini compreso.
Ma non li avevi sdoganati? Non li consideravi democratici?
Per un sinistro come me, davvero una soddisfazione grandiosa.

In chiusura una chicca senza prezzo. La Arcuri che rifiuta di andare a letto con lui, malgrado la proposta di presentare Sanremo.
Ecco, forse è proprio lei ad avere indicato la cura migliore per liberarci di Silvio.
La stessa che Woody Allen indicava come il sistema migliore per la contraccezione. Quello orale.
Se ti chiedono "vuoi scopare?", rispondi semplicemente di no.

Condividi

nessuna risposta

Iscriviti ai commenti con RSS o TrackBack a 'Berlusconi, Lavitola, la Arcuri e le cose senza prezzo'.

Lascia una risposta


sei + 8 =