Il sindaco leghista di Macherio: sono avvilito e incazzato

Il sindaco leghista di Macherio scrive una lettera al Corriere della Sera.
Basta far parlare lui.

Caro Direttore,
sono un sindaco leghista che si è stancato di mandar giù bocconi amari e si è accorto di come sia terrificante oggi il potere della Lega. Vengo da una militanza ventennale e da due anni e mezzo faccio il sindaco a Macherio. (...) Sono avvilito, incazzato, mi sento tremendamente preso in giro. (...) Ho anch'io i miei sospetti sui mille interessi della Lega, ma ormai la tenaglia probabilmente ricattatrice del premier ci sta portando alla deriva, sia come Italia che come Lega. Mi prende una profonda tristezza nel vedere traditi i miei ideali di onestà, rettitudine e coerenza di idee, tristezza che sconfina in grande delusione. (...) La Lega mi ha anche dato soddisfazioni, ma ad oggi mi diventa molto difficile continuare a «mandare giù» tutti i bocconi amari: gli ultimi, quelli su Milanese e ieri sul confermare la fiducia ad un ministro indagato per concorso in associazione mafiosa. Oltretutto un ministro che ha tradito il proprio partito che lo ha eletto a Roma per far da salvagente al governo. (...) Traditore è chi guadagna poltrone, non chi le perde. Dall'interno poi vedo troppi «furbi» che si azzuffano per le poltrone, ovviamente imbottite di stipendi, magari due, magari tre, e così via. Forse ad oggi il Potere che ha la Lega è cosi forte da imporre certe scelte, ma quando questa logica sconfina nel salvare chi fa il furbo e si arricchisce alle spalle degli altri, allora mi sento ferito nella mia dignità di uomo e di padre. (...)

Il testo integrale è qui.

Condividi

nessuna risposta

Iscriviti ai commenti con RSS o TrackBack a 'Il sindaco leghista di Macherio: sono avvilito e incazzato'.

Lascia una risposta


otto − 4 =