Bossi, Monti, la mafia e le minacce di morte

1. "Monti rischia la vita, al Nord lo faranno fuori".
2. "Ha riempito il nord di mafiosi".

Se la risposta non fosse troppo facile, aprirei volentieri un concorso per farvi indovinare chi ha pronunciato le due amenità qui sopra.
Bossi, è ovvio.
Aveva ragione Giulio Cavalli, ieri su twitter. "Ci rubano il lavoro di scrittura. Nello scaffale della demenza, però."

Prima di scriverci sopra, ho rivisto il video. Il TG de La7, oggi, lo ha mostrato integrale e non ho potuto fare a meno di chiedermi cosa sarebbe successo, nell'Allegro Paesello, se i telegiornali di ogni ordine e grado avessero seguito la stessa linea, nei fulgidi anni arcoriani.
A parte questa considerazione, però, ce ne sono altre due che mi nascono spontanee.

Se una persona qualunque si permettesse di dire una frase come la numero uno, il rischio di trovarsi la DIGOS fuori di casa sarebbe notevole.
Al senatore Bossi, sarebbe il caso di spiegare la differenza fra opinione politica, minaccia e istigazione a delinquere. Magari i fonemi ne trarrebbero giovamento.
In aggiunta, sarebbe ora di smetterla di parlare in nome del Nord. Se non riesci a trattenere il neurone impazzito, almeno trattalo ad uso personale.

Per quanto riguarda la frase numero due, la risata è quasi d'obbligo.
Che la Lega parli di mafia al Nord non può che far ridere. Salvare indagati per associazione mafiosa con stock di voti parlamentari segreti è uno dei cavalli di battaglia della pattuglia in camicia verde. E nessuno si è scandalizzato quando è stato nominato Saverio Romano o si è trattato di discutere delle amicizie particolari di Marcello Dell'Utri.
Sembra quasi che la sensibilità leghista sull'infiltrazione mafiosa si misuri in termini di ministri e sottosegretari.
In scala inversamente proporzionale.

Di certo una cosa il Bossi l'ha imparata bene, dal suo ex (?) sodale. Smentire quello che non si può smentire.
Qualche ora dopo l'amena uscita ha dato la colpa ai giornalisti. Anche quello un vecchio trucco.
All'epoca della carta stampata avrebbe potuto funzionare.
Oggi è più difficile. Il video della dichiarazione originale è qui sotto.

Condividi

nessuna risposta

Iscriviti ai commenti con RSS o TrackBack a 'Bossi, Monti, la mafia e le minacce di morte'.

Lascia una risposta


− 2 = sei