Il caso Sallusti

Diciamola come va detta: la condanna per Sallusti è indecente quanto l'articolo incriminato, non c'è tanto da girarci intorno.
Non si può andare in carcere per diffamazione, neppure se sei un giornalista come il direttore del Giornale.
Credo però che un ragionamento sulla reiterata diffamazione, l'ordine dei giornalisti dovrebbe farlo.
L'ordine, però. Non i magistrati.
C'è differenza.

Condividi

4 risposte

Iscriviti ai commenti con RSS o TrackBack a 'Il caso Sallusti'.
  • GIOVANNI CHOUKHADARIAN
    26-09-2012 - 20:59:15 Rispondi

    I magistrati applicano le leggi. L'Odg andrebbe abrogato quanto prima possibile, e questo è tuttavia un altro discorso

    PATRICK FOGLI
    26-09-2012 - 20:59:15

    Infatti il magistrato ha applicato la legge. Immagino che il procuratore della Cassazione, che non aveva chiesto il carcere, pensasse che l'applicazione della legge non riguardasse necessariamente la galera.
    Detto questo e cambiata la legge (se ci sarà la volontà di farlo) resta l'altro lato del problema.
    Può uno che scivola spesso nella condanna per diffamazione fare il giornalista e/o il direttore di un giornale?

  • GIOVANNI CHOUKHADARIAN
    26-09-2012 - 21:09:04 Rispondi

    Alessandro Sallusti è stato un cronista di valore ed è un buon direttore. Ignoro quante volte abbia subito processi per diffamazione. Altre considerazioni mi pare complicato farle, senza conoscere le motivazioni della sentenza d'appello (mea culpa), che sembra sostanzialmente confermata dalla V sez. pen. della Cassazione.

  • LUCA
    02-10-2012 - 09:05:11 Rispondi

    Ti do il mio pensiero scevro (spero) da ogni ideologia.
    Sallusti è il direttore di un quotidiano che ha commesso 2 errori
    1) fare scrivere l'articolo da un giornalista espulso dall'ordine (farina) e quindi senza titolo per farlo: come poteva non saperlo e perchè lo ha permesso ?
    2) piu' grave l'articolo contiene di fatto una notizia falsa e cioè che il giudice avrebbe obbligato la ragazzina ad abortire cosa che ,e si legge dalla sentenza, non è vera.

    A me francamente importa che si applichi la legge (che non è detto che sia corretta e allora si dovrà cambiare) e chi scrive o parla a centinaia di migliaia di persone ha in mano un'arma potente e uan grande reponsabilità. Si puo' fare informazione libera senza diffamare , in questo caso si sarebbe potuta dare la propria opinione .
    Non trasformerei Sallusto in un martire . ha semplicemente sbagliato, come fa ognuno di noi nella sua professione ma a volte i danno causati dai nostri errori sono lunghi da rimarginare

Lascia una risposta


+ quattro = 7