Regionali in Sicilia, il nuovo e la tendenza greca

Alcune riflessioni a caldo, non puramente aritmetiche.

Vince Crocetta, Fioroni dice che l'allenza PD-UDC è vincente.
Fesseria: è perdente la divisione del centro destra. Con Miccichè oltre il 15% e Musumeci al 25%, il centrodestra unito arriva verso il 40% e avrebbe vinto.
Comunque governare sarà durissima. la maggioranza non c'è. Pensiamoci, quando andremo a votare per le politiche. La tendenza è greca, tanti partiti fra il 10% e il 20%.
Non si va da nessuna parte, men che meno se la legge elettorale nazionale diventa proporzionale quasi puro.

Seconda rilfessione. E' vero che il candidato di Grillo prende il 18% e il M5S circa il 3% in meno.
Però qui non vince nessuno. Con l'astensionismo al 50% oltre la metà dell'elettorato non considera nemmeno Grillo come un nuovo attendibile e votabile.

Qui non vince nessuno. Nemmeno chi dice di aver vinto, nemmeno chi lo urla.
Non scherziamo, la farsa è tragica.

Condividi

nessuna risposta

Iscriviti ai commenti con RSS o TrackBack a 'Regionali in Sicilia, il nuovo e la tendenza greca'.

Lascia una risposta


× 5 = venti