Le domande del Governo Ganzo

E' difficile trovare chiarezza nella nebbia, ma cerchiamo di essere chiari.
Crimi dice e poi smentisce che se il nome diventa diverso da Bersani si può ragionare.
Malgrado la smentita, percorro la strada, rivelatoria della fuffa di cui ci stanno costringendo a discutere da giorni.

Napolitano fa un nome terzo, extraparlamentare che mette insieme un governo alto, extraparlamentare pure quello. Diciamo una versione nuova della vicenda Monti.
Metteteci i nomi che volete, a piacere e chiamiamolo il Governo Ganzo.
Il Governo Ganzo ha bisogno di quel noioso espediente politico che è la fiducia.
Alla Camera il PD è autosufficiente, quindi dal PD bisogna passare. Al Senato, però, serve il M5S, quindi il Governo Ganzo deve nascere da un accordo politico fra chi lo sostiene, il M5S e il PD, presumibilmente con le parti comuni dei due programmi, in pratica qualcosa che assomiglia molto agli otto punti di Bersani.

Bene, questo è un governo politico e lo è per un semplice motivo.
I governi extraparlamentari non esistono, esistono le maggioranze in Parlamento che votano governi e provvedimenti.
Il Governo Ganzo è, per forza di cose, quindi, politico.
Le domande, per il M5S, a questo punto, sono:

1. Se inciucio (parola che detesto) è un governo che nasce dal tradimento della volontà elettorale, questo non è un inciucio?
2. Se il governo Monti era un golpe perché composto da gente non eletta, il Governo Ganzo non è un golpe?
3. Se è vero che dite sempre che sono le proposte che contano, non le persone, che cosa cambierebbe con il governo Bersani?
4. Se è vero che ci state, le dichiarazioni dopo l'incontro con Napolitano e quello che avete detto oggi a Bersani, che cos'erano, un gioco di ruolo?
5. E se dite di non votare mai un governo dei partiti, vi rendete conto che il Governo Ganzo è esattamente quello? Un governo dei partiti?

Certo, Crimi ha smentito. Fino a smentita contraria.

Condividi

nessuna risposta

Iscriviti ai commenti con RSS o TrackBack a 'Le domande del Governo Ganzo'.

Lascia una risposta


7 − = cinque