Gualtiero – Io sono Alfa

RomaNon abbiamo usato bene il tempo che ci è stato concesso, aveva detto Gualtiero. Avevamo il dovere di fare qualcosa in più che sopravvivere.

Gualtiero è un politico, vive a Roma.
Un uomo anziano, uno che ha cominciato la sua attività quando la politica non era ancora masticata dal marketing, quando si poteva ancora cambiare qualcosa nella vita della gente.

Lo incontriamo per la prima volta la sera del suo compleanno.
Una casa in montagna, troppa neve che scende e la festa che sua moglie Laura organizza tutti gli anni, con i pochi amici rimasti.

Eppure non è un compleanno come tutti gli altri.
C'è qualcosa che non saprebbe nemmeno definire, tenta di confessarlo a Lorenzo, l'amico di una vita, politico anche lui, di un'altra parrocchia. E le parole che escono, il disagio che tenta di esprimere, potrebbero essere la debolezza degli anni e sono invece la certezza che qualcosa si sta chiudendo, in attesa di essere spazzato via.

Non si tratta di rimpianti, non è rabbia per quello che non hai fatto.
Solo la certezza che ogni cosa sta per cambiare, avvertita con chiarezza da un uomo che per tutta la vita ha annusato la vita stessa, l'ha osservata, cercando di capire.

Non sono pazzi, dirà, quando Alfa metterà la sua impronta nel mondo.
Non possono essere pazzi.

Le leggi del mondo non sono cambiate, pensa Gualtiero.
Dai cavalli al motore a idrogeno, da Hitler alla democrazia parlamentare, da quando questa stanza era terra battuta dalla neve fino a oggi, con le nostre mani e il silenzio.
Perché è passato, pensa, se devo avere di nuovo così paura?


 
Qui le altre puntate del piccolo viaggio dentro Io sono Alfa.

1. La copertina
2. Il significato delle parole
3. Turing, verità, inganno
4. Someone saved my life tonight
6. Francesca

Condividi

4 risposte

Iscriviti ai commenti con RSS o TrackBack a 'Gualtiero – Io sono Alfa'.
  • TURING, VERITà, INGANNO – IO SONO ALFA | BLOG | PATRICK FOGLI
    17-03-2015 - 14:03:05 Rispondi

    […] Ho conosciuto Alan Turing nella seconda metà degli anni Ottanta. Benedict Cumberbatch era poco più che un infante e gran parte della storia che poi è finita in The Imitation Game non era neppure nota. Ero uno studente di un liceo scientifico sperimentale in informatica e in mezzo al Pascal e ai primi rudimenti di programmazione strutturata, saltò fuori il lavoro di mister Turing. La macchina, certo, ma quello che mi affascinava – da fanatico di computer, di storie e di enigmistica – era il test di Turing.   Immaginate di essere in una stanza e di fare un gioco. Insieme a voi partecipano altri due giocatori, li chiamiamo B e C. Voi, però, non li vedete e non li sentite nemmeno. Si trovano in un'atra stanza e comunicano con voi solo attraverso bigliettini stampati. Tutto quello che sapete e che sono un uomo e una donna e voi dovete indovinare chi è l'uomo e chi la donna, facendo delle semplici domande. Banale? No, perché c'è un'altra regola, la più subdola. Uno dei due giocatori deve dire sempre la verità, l'altro deve mentire. Ora proviamo a cambiare gioco. B e C non sono più un uomo e una donna, ma un essere umano e una macchina. Può una macchina superare il test di Turing? Simulare così bene il comportamento umano da non far sentire, al primo giocatore, quello solo in una stanza, voi, me, la differenza con il giocatore umano? Non è mai accaduto, ma se accadesse, non si potrebbe dire che la macchina è intelligente, che pensa? Il test di Turing c'entra più di qualcosa con Io sono Alfa. Eppure nel romanzo non ci sono macchine intelligenti, non ci sono test da superare, è solo necessario il tentativo estremo, obbligato, perverso, di pensare come un altro. Non mettersi nei panni di, è troppo poco. Essere, non sembrare. Superare un test di Turing modificato, anziché una macchina che simula un essere umano, un essere umano che capisce così bene quello che accade, da poterlo comprendere, fare proprio, vivere. E quindi raccontare o sconfiggere. «Alfa è la macchina.» «No, se vuoi trovare Alfa, devi fingere di essere Alfa.» Tocca a Paolo, quel gioco da cui siamo partiti. E di Paolo parleremo presto.   Qui le altre puntate del piccolo viaggio dentro Io sono Alfa. 1. La copertina 2. Il significato delle parole 4. Someone saved my life tonight 5. Gualtiero […]

  • LA COPERTINA – IO SONO ALFA | BLOG | PATRICK FOGLI
    18-03-2015 - 13:50:59 Rispondi

    […]   Qui le altre puntate del piccolo viaggio dentro Io sono Alfa. 2. Il significato delle parole 3. Turing, verità, inganno 4. Someone saved my life tonight 5. Gualtiero […]

  • IL SIGNIFICATO DELLE PAROLE – IO SONO ALFA | BLOG | PATRICK FOGLI
    18-03-2015 - 13:53:35 Rispondi

    […] dentro Io sono Alfa. 1. La copertina 3. Turing, verità, inganno 4. Someone saved my life tonight 5. Gualtiero 6. […]

  • SOMEONE SAVED MY LIFE TONIGHT – IO SONO ALFA | BLOG | PATRICK FOGLI
    18-03-2015 - 13:54:45 Rispondi

    […] dentro Io sono Alfa. 1. La copertina 2. Il significato delle parole 3. Turing, verità, inganno 5. Gualtiero 6. Francesca […]

Lascia una risposta


uno × 8 =