Il significato delle parole – Io sono Alfa

Ognuno di noi ha le sue fissazioni. Una delle mie è il significato delle parole. Banale, forse, dal momento che faccio lo scrittore. Credo però che dovrebbe essere un punto di partenza per ogni cittadino, […]

La copertina – Io sono Alfa

I libri non sono tutti uguali. Sto parlando dal punto di vista di chi li scrive, è ovvio. Nascono in momenti diversi, fotografano alla perfezione, almeno per quanto mi riguarda, la persona che sei quando […]

Il club Dumas, Arturo Perez Reverte

Aprì la finestra per sentire la gelida umidità notturna, mentre le gocce d’acqua gli bagnavano il volto. Fece un ultimo tiro e poi lasciò cadere la sigaretta, un punto rosso che si spegneva nell’oscurità, l’arco […]

Mucchio d’ossa, Stephen King

Ho il sospetto che la paura, come il dolore, sia una di quelle cose che ti scappano di mente dopo che sono passate. Ricordo invece una sensazione che avevo già avuto laggiù, specialmente quando percorrevo […]

Finale di partita, Samuel Beckett

Un giorno sarai cieco. Come me. Sarai seduto in qualche luogo, un piccolo pieno perduto nel vuoto, per sempre, nel buio. Come me. Un giorno dirai a te stesso, Sono stanco, vado a sedermi, e […]

Moby Dick, Herman Melville

Tutti gli oggetti visibili, amico, sono solo maschere di cartone. Ma in ogni cosa che succede, nell’azione viva, nel fatto preciso, lì, c’é qualche cosa di sconosciuto ma sempre ragionevole che sporge il profilo della […]

La Peste, Albert Camus

«Negavano tranquillamente, contro ogni evidenza, che noi avessimo mai conosciuto un mondo insensato, in cui l’uccisione di un uomo era quotidiana al pari di quella delle mosche, negavano quella barbarie ben definita, quel calcolato delirio, […]

La fragile costellazione della vita, Anthony Marra

Sto per contraddire una mia convinzione. Lo dico subito, perché sia chiaro che non la considero sbagliata, ma se avrete qualche dubbio su quello che sto per scrivere posso capirvi. La convinzione, dunque. Mi capita […]

Doctor Sleep, Stephen King: un ritorno a casa

Nel 1987 avevo 16 anni e da poco ero diventato un divoratore di romanzi. Era accaduto per caso, l’estate dell’anno prima. A causare l’improvvisa malattia era stata una professoressa di lettere, al glorioso liceo scientifico […]

Scrivere con il colpo in canna?

Leggo su Repubblica di oggi un estratto da un testo di Ferruccio Parazzoli che verrà pubblicato sul prossimo numero di Vita e Pensiero, in uscita il 12 marzo. Il pezzo (per una volta) è sintetizzato […]

Dovrei essere fumo – Incontri e prime recensioni

Dunque siamo in ballo da una decina di giorni, ormai. Il libro è in giro, è partito bene, le foto dei lettori arrivano (ecco l’album, se siete iscritti a Facebook) e in questo poco tempo […]

In principio – Dovrei essere fumo

Forse è tutto già scritto negli inizi. Dovrei essere fumo, comincia così. Con un uomo che corre.   Vivo con la consapevolezza del baratro. La frase è spuntata fra i pensieri all’improvviso, un’epifania che non […]

Qui e ora – Dovrei essere fumo

Ogni volta che accade, per ogni saluto col braccio teso, per ogni dittatore che reprime un oppositore o lo zittisce, per ogni essere umano che si crede onnipotente, noi vinciamo e per ogni silenzio o […]

Emile, il quaderno azzurro e Alfred Hitchcock – Dovrei essere fumo

Era il nostro lavoro. Eravamo lì per quello. Non importava se tra i cadaveri c’era vomito, sangue, escrementi. Non importava se li avevamo visti vivi pochi istanti prima. Non importava se tra loro avevamo parenti […]

Emile, il quaderno azzurro e il discorso di Poznan – Dovrei essere fumo

Non sono mai stato religioso, non ho mai creduto, essere ebreo è una discendenza, non una vocazione o una fede. Forse è per questo che il Suo punto di vista mi rimane oscuro. Così, tutto […]

Articoli più recenti | Articoli più vecchi